Find Tuscia, terra di cinema on FacebookFind Tuscia, terra di cinema on TwitterFind Tuscia, terra di cinema on YouTubeFind Tuscia, terra di cinema on Instagram
  • English
  • Italiano

VITERBO - SAN MARTINO

VITERBO - SAN MARTINO

"Il medico e lo stregone" e… Monicelli e Scola a San Martino

Tra l’agosto e il settembre del 1957, Mario Monicelli ambienta gran parte degli esterni di Il medico e lo stregone in tre località della Tuscia: San Martino al Cimino, Valentano (le varie sequenze di vita cittadina sono realizzate fra le vie dei due centri abitati) e Grotte Santo Stefano (tutta la sequenza in cui Marisa Merlini incontra alla stazione ferroviaria il vecchio fidanzato Alberto Sordi).

Il regista di origine toscana, che qualche anno prima aveva girato alcune sequenze di Totò e Carolina (1954) nel vecchio ospedale di Viterbo e in seguito girerà molti altri film nella Tuscia (da L’armata Brancaleone, 1966, a Speriamo che sia femmina, 1986), ricordava bene la scelta della location: «Il medico e lo stregone l’abbiamo girato a San Martino al Cimino perché conoscevo bene il paese, mi ci avevano portato in vacanza, quand’ero bambino, negli anni ‘20».

Nella finzione, San Martino al Cimino si trasforma in Pianetta, immaginario comune del Sud Italia dove va in scena lo scontro tra Scienza e Superstizione, rispettivamente incarnate dal giovane medico condotto Francesco Marchetti (Marcello Mastroianni) e dal vecchio guaritore don Antonio Locoratolo (Vittorio De Sica), a cui non sono peraltro estranee complicazioni sentimentali.

Sottovalutato al tempo dell’uscita, Il medico e lo stregone (1957) è al contrario un film molto interessante, perché segna il passaggio dal cosiddetto “neorealismo rosa” a quella che, proprio a partire dal successivo lavoro di Monicelli (I soliti ignoti, 1958), sarà denominata “commedia all’italiana”.

Un’importante location cinematografica di San Martino al Cimino è, oltre al paese stesso, anche la pregevole e antica Abbazia. Ettore Scola gira, a ridosso della stessa, la sequenza della sosta delle carrozze della commedia a sfondo storico Il mondo nuovo (1982).

L’Abbazia si riconosce inoltre in una sequenza del drammatico Marciando nel buio (1995) di Massimo Spano e nell’incipit del cinepanettone Vacanze di Natale ’95 (1995) di Neri Parenti.

Viterbo, San Martino