Find Tuscia, terra di cinema on FacebookFind Tuscia, terra di cinema on TwitterFind Tuscia, terra di cinema on YouTubeFind Tuscia, terra di cinema on Instagram
  • English
  • Italiano

VITERBO - PIAZZA DEL PLEBISCITO

VITERBO - PIAZZA DEL PLEBISCITO

Fellini, Welles, Monicelli, Sorrentino e…

La città di Viterbo è stata, fin dai primi decenni del 900, set ideale per le produzioni cinematografiche.

Da un pioniere del cinema muto come il viterbese Silvio Laurenti Rosa, che gira in loco alcune sequenze del melodramma anticomunista Katiuscia (1923), fino a un regista premio Oscar come Paolo Sorrentino, che ambienta diversi esterni della serie televisiva The Young Pope (2016) nel giardino di Villa Lante, sono numerosi i registi che scelgono Viterbo come location.

Dentro e fuori le mura cittadine sono state girate pellicole apologetiche del primo fascismo (Vecchia guardia, 1935, di Alessandro Blasetti), belliche (Un pilota ritorna, 1942, di Roberto Rossellini), rievocative della Grande Guerra (Piume al vento, 1950, di Ugo Amadoro) e ispirate alle figure storiche di Michelangelo Buonarroti (Il tormento e l’estasi, 1965, di Carol Reed), Santa Margherita da Cortona (Margherita da Cortona, 1950, di Mario Bonnard), El Greco (El Greco, 1965, di Luciano Salce), Lucrezia Borgia (Le notti di Lucrezia Borgia, 1959, di Sergio Grieco) e Martin Lutero (Luther, 2003, di Eric Till).

Vie e piazze viterbesi hanno altresì ospitato trasposizioni cinematografiche di opere teatrali di Shakespeare (Otello, 1951, diretto e interpretato da Orson Welles) e Machiavelli (La mandragola, 1965, di Alberto Lattuada), il capolavoro di Federico Fellini I vitelloni (1953), il satirico Il vigile (1960) di Luigi Zampa, la commedia Troppa grazia (2018) di Gianni Zanasi, oltre a film comici (Grandi magazzini, 1986, di Castellano e Pipolo), drammatici (La corsa dell’innocente, 1992, Carlo Carlei e Sotto la luna, 1998, di Franco Bernini) e gialli (Il senso della vertigine, 1990, di Paolo Bologna e La sindrome di Stendhal, 1995, di Dario Argento).

Tra la fine del 900 e gli albori del terzo millennio, la città di Viterbo conosce una nuova popolarità grazie all’intuizione del regista Giorgio Capitani, che vi gira molte serie televisive di grande successo a partire da Il Maresciallo Rocca (1996-2005).

Piazza del Plebiscito, Viterbo